Curiosità

Forse non tutti sanno che…


• Arrivando a Salaparuta si è accolti dal Monumento ai caduti (1926), l’unico recuperato dalla città vecchia e voluto dalla comunità di emigrati di Brooklyn.

• All’ingresso della città un monumento realizzato dallo scultore Giovanni Alessi ricorda la visita di Papa Giovanni Paolo II nel 1982, e l’omaggio resogli da uomini e donne del paese.

• Il primo al mondo a incidere un disco di Jazz nel 1917 fu, a New Orleans, un oriundo di Salaparuta, Nick La Rocca (1889-1961) cornettista del jazz classico, il cui padre emigrò nel 1876 a New Orleans. Tra gli altri jazzisti originari di Salaparuta, ricordiamo anche Louis Prima.

• 27 e 28 agosto: la fiera. In queste due giornate la chiesa rimane aperta e viene esposta la Madonna del Piraino e la pietra dipinta raffigurante la Madonna del Piraino (sec. XVI), ossia una Madonna con Bambino seduta su un albero di pero, secondo un’iconografia ispano-portoghese, ai cui piedi stanno inginocchiati San Giovanni Battista e San Nicolò di Bari, miracolosamente rinvenuta, secondo la tradizione, intorno al XVI secolo, da una tal Beatrice che lavava i panni presso un torrente.

• Nella vecchia Salaparuta, tra i ruderi, sul muro esterno di casa Sancetta, una edicola votiva ricorda il luogo dove sarebbe avvenuta la miracolosa lacrimazione di un capezzale in gesso, raffigurante  il Sacro Cuore di Gesù. La lacrimazione pare sia avvenuta nei giorni 13, 14, 15 e 25 gennaio 1957, esattamente gli stessi giorni in cui, a distanza di undici anni, si verificarono poi le scosse del terremoto che sconvolse la Valle del Belice.