Territorio

Salaparuta nuova, ricostruita secondo un moderno disegno urbanistico, è situata nella valle dell’Alto Belice, alla destra del fiume e alle pendici del monte Porcello, in una zona dagli aspetti ambientali e naturalistici variegati, dove l’occhio spazia  fino ai monti di Alcamo e di San Giuseppe Jato, verso la montagna di Entella, giù fino al mare di Selinunte e sui viciniterritori di Gibellina, Sambuca, Santa Margherita Belice e Montevago


Il ponte stradale sul Belice, con le alte sponde a ventaglio, segna il confine tra le province di Trapani e Agrigento. Dagli spazi aperti della chiesa Madre di Salaparuta vecchia il paesaggio agricolo impone la sua identità: valli, colline coltivate a vigneto che identificano anche una zona di vini D.O.C. e uliveti che ricadono nella zona D.O.P. Valle del Belice.

Un paesaggio urbano stravolto dal sisma del 1968, ma che si riconosce nel suo territorio.